giovedì 2 febbraio 2012

CIOCCOLATANDO...




A dispetto dell’immagine tanto ingenua, dolce, e un po’ fanciullesca, questa torta è una bomba di libidine, leccornia superba del palato e tentazione sublime per il senso del gusto. Ragion per cui si sconsiglia vivamente la lettura e soprattutto la prova e l’assaggio alle seguenti categorie di persone:
- coloro che stanno (perennemente) a dieta;
- i timidi goduriosi;
- i falsi spudorati;
- i “timidi emotivi” (citazione del film omonimo);
- i non-golosi;
- a chi non se la merita neppure un’esperienza così peccaminosa ;)

Gli altri, i curiosi, i golosi, chi sa apprezzare senza esagerare anche il gusto del frutto proibito…leggano, prendano nota…e si abbandonino alla voluttà carezzevole del “fondant”…non sarà una fetta a rovinarvi la sfilata. Tutto sta sempre nell’uso equilibrato delle cose. Piuttosto che privarsi in toto di qualcosa (quando siamo consapevoli che quel qualcosa, assunto in abbondanza, ci farebbe male…ma anche consapevoli che se ce ne priviamo del tutto, questa privazione ci si ritorcerà contro…) ci si potrebbe “educare” ad assumerne nelle giuste quantità, o riservandole a momenti unici, preziosi, tornando in riga nell’arco delle ore successive…
L’esterno di questa torta è una crosticina sottile e sfiziosa, mentre l’interno è un cuore fondente di cioccolato, con un leggero retrogusto al caffè.
E’ una versione liberamente ispirata (ma con alcune modifiche) alla Torta Barozzi, dolce tipico modenese. Rispetto alla versione tradizionale, ho usato un uovo in meno, e ho omesso il rum perché personalmente non amo molto il sapore alcolico nei dolci.
Provate, godete…e il gg dopo…a dieta :P

Ingredienti:
-       200 gr di cioccolato fondente
-       150 gr di zucchero di canna
-        80 gr di burro
-       100 gr di farina di mandorle
-       1 bustina di vanillina
-       3 uova
-       1 cucchiaio scarso di caffè solubile
-       un pizzico di sale
-       zucchero a velo e bucce di arancia per decorare


Fate sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente insieme al burro.
Montate a neve gli albumi (aggiungendo un pizzico di sale).
Con un frullatore elettrico, sbattete per bene i tuorli con lo zucchero; aggiungete il cioccolato/burro fuso, il caffè solubile, la farina di mandorle, la vanillina e da ultimo gli albumi. Mescolare bene, versate il composto in uno stampo tondo e cuocete per circa 30 minuti a 180°.
Non vi resta che provare…






1 commento:

  1. Uno a cui piace la cioccolata...10 febbraio 2012 23:18

    ...semplicemente goduriosa!!!

    RispondiElimina